ESSERE CREATIVI è UTILE

Il tema del “pensiero creativo” è stato ampiamente sviscerato, mentre la “creatività motoria” è un campo ancora da scoprire.

Studi recenti sulla creatività hanno evidenziato un sistema basato su tre elementi:

 

1.il dominio, area di conoscenza, studi, tecniche, simboli, procedure e regole riconosciute all’interno di una cultura.

2.il campo, formato da persone esperte ed autorità che selezionano i “nuovi” contenuti da preservare all’interno del dominio.

3.l’individuo, con il suo background che con le opportune competenze potrebbe apportare delle trasformazioni in esso.

 

La creatività dipende dall’interazione di queste tre componenti, dove ognuna influenza l’altra e di conseguenza ne viene influenzata, e sarebbe riduttivo isolare uno dei tre fattori.

Il modello APT (amusement park theoretical) di Baer e kaufman fornisce un’ottima guida per la strutturazione di un programma che aiuta ad incrementare la “creatività”, è un modello di tipo gerarchico a livelli, dai domini ai micro-domini.

 

Questo modello teorico (APT) è la pezza d’appoggio per la ricerca che riguarda la”creatività motoria”, analisi recenti hanno evidenziato un ambito proprio dell’intelligenza motoria intesa come “saper scegliere le azioni più adatte alla necessità del momento, nel minor tempo possibile e con la migliore dinamica d’esecuzione”.

L’atto motorio intelligente è costruito sulla comprensione e valutazione della situazione, la rievocazione degli schemi motori, il loro giusto utilizzo e la creazione di nuovi modelli, “fantasia motoria”.

Con fantasia motoria si intende l’abilità di porsi dei problemi motori in modo nuovo ed autonomo e la capacità di risolvere in maniere inusuale un’incognita; i presupposti di questa capacità sono l’anticipazione, la rappresentazione mentale del movimento e la memoria motoria.

La produzione e l’incremento della creatività motoria aumenta con l’aumento della MOTIVAZIONE ossia dai fattori legati all’agonismo, al gioco, ma anche all’aspetto psicologico e socio-culturale.

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0